Secchezza Vaginale e Lubrificazione: vademecum di sopravvivenza

Secchezza Vaginale e Lubrificazione: vademecum di sopravvivenza

A differenza di quanto si possa pensare, la secchezza vaginale può colpire le donne in differenti fasi della vita, sia in età fertile che in menopausa, poiché deriva da cause di natura eterogenea.
La mucosa vaginale, in regolari condizioni di salute, è leggermente acida, elastica e mantiene un buon livello di idratazione dell’ambiente vaginale.

La secchezza vaginale colpisce più della metà delle donne con l’inizio della menopausa e circa il 17% delle donne tra i 18 e i 50 anni. A questo fenomeno si accompagna spesso l’assottigliamento della mucosa vaginale che diventa, di conseguenza, più facilmente danneggiabile, esponendo la donna al rischio di microlesioni durante il rapporto sessuale e al rischio di infezioni.
La secchezza vaginale non impatta solo sulla vita sessuale ma può creare scomodità e disagio anche nel movimento e nelle attività quotidiane.
Nonostante l’elevato numero di donne che sperimentano problemi legati alla secchezza vaginale, questa condizione rimane, per la maggior parte dei casi, un problema silente. L’imbarazzo causato dall’argomento inibisce il dialogo con il partner o, addirittura, il medico. Solo un quarto delle donne ricerca effettivamente una soluzione.

Cause, Sintomi e conseguenze     

- Età
Con il passare del tempo, la donna subisce l’alterazione dei livelli ormonali con un calo fisiologico degli estrogeni. La carenza di questi ultimi è la causa primaria della secchezza vaginale. Anche anni prima del presentarsi della menopausa, il livello di estrogeni può fluttuare o ridursi, causando secchezza, lubrificazione inadeguata e atrofia vaginale (assottigliamento, indebolimento e infiammazione delle pareti vaginali).

I sintomi possono includere prurito o fitte nella zona vaginale, bruciore, dolore e piccole perdite di sangue durante il rapporto sessuale. L’instaurarsi della secchezza vaginale può causare l’innesco di infezioni locali o infezioni alle basse vie urinarie.

- Ansia, stress e circostanze emozionali estreme
Anche i fattori psicologici possono alterare il normale stato di salute della mucosa vaginale causando secchezza e atrofia. Inoltre, nei momenti stressanti il flusso di sangue che convoglia nella vagina è insufficiente, riducendo la regolare lubrificazione e, in alcuni casi, inibendola. Il rapporto sessuale diventa difficile, frustrante ed indesiderato.

- La gravidanza e l’allattamento
Durante la gravidanza e dopo il parto, la donna è soggetta ad una fluttuazione dei livelli ormonali. I normali livelli di acidità della vagina possono ridursi insieme al livello degli estrogeni.

- Farmaci
Gli antistaminici, i farmaci anticolinergici e i contraccettivi orali a basso livello di estrogeni possono ridurre le secrezioni mucose, compresa la lubrificazione vaginale.

- Terapie oncologiche
Svariate terapie contro il cancro, inclusa la chemioterapia, la radioterapia e la chirurgia oncologica possono ridurre il livello di estrogeni e degli ormoni in generale. In particolare, quando la radioterapia si focalizza nella zona pelvica, ostacola il flusso di sangue, riduce gli estrogeni e riduce la lubrificazione.

Cosa si può fare: I Rimedi Di NaturaDiretta

1)    Bere tanta acqua, per far in modo che il corpo sia ben idratato, e seguire una dieta equilibrata.

2)    Essere cauti nell’uso di detergenti aggressivi, sostanze contenenti allergeni come coloranti e profumi.

3)    Fare esercizio fisico per aumentare l’energia e l’ossigenazione nel corpo.

4)    Utilizzare prodotti ad hoc.
NaturaDiretta offre soluzioni specifiche per il problema della secchezza vaginale e la scarsa lubrificazione.

Xanagel è il prodotto indicato per ristabilire lo stato di salute della mucosa vaginale in caso di secchezza e atrofia vaginale, prurito e bruciore intimo.

Dimann Gel è il NUOVO prodotto studiato per agevolare un’adeguata lubrificazione durante il rapporto sessuale. A differenza dei normali gel lubrificanti, la sua formulazione offre la protezione della mucosa vaginale e, con l’aggiunta del D-Mannosio, aiuta a prevenire l’insorgere di cistite post-coitale.

Entrambi i prodotti non contengono ormoni o fitormoni.

Leave a Reply

* Name:
* E-mail: (Not Published)
   Website: (Site url withhttp://)
* Comment:
Type Code